POSSIAMO AIUTARTI?

   

Offriamo attività di consulenza ad aziende e privati in materia di Sicurezza sul Lavoro, Diritto Agroalimentare e Tutela della Privacy e dei Dati Personali.

Le nostra formazione in Diritto Penale ci permette inoltre di poter assistere chiunque abbia o pensi di avere commesso o subito un reato di qualsiasi tipo.

 

 


Sicurezza sul Lavoro

In materia di Sicurezza sul Lavoro, offriamo sia consulenza preventiva che difesa in caso di procedimento penale.

La nostra attività di consulenza mira soprattutto a:

  • Valutare lo stato attuale di un’azienda o di una singola unità produttiva, dal grande stabilimento fino al singolo cantiere, in relazione agli obblighi previsti dal T.U. 81/2008 in materia di sicurezza sul lavoro;
  • Controllare l’individuazione dei soggetti che rivestono i “ruoli” previsti dal T.U. 81/2008, soprattutto con riguardo al datore di lavoro, attraverso l’analisi delle nomine formali ma soprattutto delle funzioni effettivamente svolte;
  • Adottare strategie organizzative idonee a garantire una migliore gestione del rischio;
  • Rafforzare la “tenuta” del Documento di Valutazione del Rischio (DVR) e degli altri documenti obbligatori (DUVRI, POS, PSC, ecc.);
  • Costruire un sistema di deleghe capace di ripartire le responsabilità in modo chiaro, così da evitare che in caso di verificazione di un reato rispondano tutti i soggetti a vario titolo impegnati dalla disciplina del T.U. 81/2008;
  • Preparare una difesa solida in caso di avvio di un procedimento penale, causato o meno dalla verificazione di un infortunio.

Vedi anche: Perché dovrei avere bisogno di una consulenza in tema di Diritto della Sicurezza sul Lavoro?

Possiamo dunque assistere le seguenti categorie di soggetti:

  • Datore di Lavoro, da intendersi in senso ampio: dal singolo imprenditore al direttore di uno stabilimento, fino ai membri di un Consiglio d’Amministrazione o all’Amministratore Delegato. Il datore di lavoro è il principale “debitore di sicurezza”, sul quale ricadono numerosi obblighi, alcuni dei quali non delegabili. È importante tenere a mente che è il giudice penale a decidere, in base ai compiti effettivamente svolti, quali soggetti (possono essere più di uno!) rivestono tale qualifica e sono dunque soggetti ai relativi obblighi e responsabilità. Pertanto, è indispensabile che ogni soggetto sia sicuro della propria qualifica!
  • Responsabile del Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP): L’RSPP ha di certo pochi dubbi sulla qualifica che riveste, perchè è appositamente nominato in tale ruolo ed è la nomina stessa a decidere chi è l’RSPP, non il giudice penale. Egli possiede tuttavia obblighi e responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro, ed aiuta il datore di lavoro a redigere il Documento di  Valutazione del Rischio: ha dunque tutto l’interesse a richiedere una consulenza preventiva.
  • Dirigenti, così come qualificati ai sensi del T.U. 81/2008. Per i dirigenti vale lo stesso discorso del datore di lavoro: è il giudice penale a verificare, caso per caso, chi rivesta tale qualifica, ben potendo riconoscerla anche in capo a soggetti che non possiedono la qualifica “lavoristica” di dirigente ma svolgano di fatto funzioni – agli occhi del giudice – assimilabili.
  • Preposti;
  • Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS);
  • Committente dei Lavori;
  • Responsabile dei Lavori;
  • Coordinatore per la Sicurezza nella fase di progettazione (CSP);
  • Coordinatore per la Sicurezza nella fase di esecuzione dei lavori (CSE);
  • Direttore tecnico dei Lavori;
  • Capo cantiere;
  • Lavoratori.

Diritto Agroalimentare

Sezione in fase di aggiornamento.


Tutela della privacy e dei dati personali

Sezione in fase di aggiornamento.


Diritto penale

Sezione in fase di aggiornamento.